29 giugno 2017

I dignitari dell’Ordine del Tempio


MAESTRO: doveva risiedere in Terra Santa, perché questo luogo era lo scopo dell’Ordine del Tempio. Veniva eletto da tredici fratelli (8 cavalieri, 4 sergenti e un cappellano), con una procedura complessa. I poteri del Maestro erano comunque limitati e le sue decisioni dovevano essere approvate dal Capitolo. Egli era in ogni caso l’unico ad avere l’ultima decisione sull’impegno alla battaglia.

SINISCALCO: era la seconda carica dell’Ordine. Il suo ruolo era quello di sostituire il Maestro quando questi era assente, con facoltà di sigillare i documenti ufficiali con un sigillo identico a quello del Maestro.

MARESCIALLO: era l’autorità militare dell’Ordine. Sia in tempo di pace che in tempo di guerra, era responsabile della disciplina e della manutenzione delle armi e degli equipaggiamenti. Nelle campagne di guerra, comandava tutti gli uomini armati del Tempio e portava egli stesso il gonfalone. Alla morte del Maestro dell’Ordine, era lui a dare notizia a tutte le commanderie e a riunire i dignitari per l’organizzazione dell’elezione del nuovo Maestro.

DRAPPIERE: era una delle cariche più importanti dell’Ordine. Il Drappiere gestiva tutto il corredo e il vestiario. Egli doveva garantire che tutti i Templari avessero un abbigliamento adeguato e uniforme.

COMANDANTE DELLA TERRA E DEL REGNO DI GERUSALEMME: era il tesoriere dell’Ordine e il capo della Provincia di Terra Santa. Gestiva tutte le transazioni finanziarie e aveva il controllo sulla flotta del Tempio. Aveva inoltre il compito di distribuire i fratelli nelle fortezze e posti di comando in base alle esigenze.

COMANDANTE DELLA CITTA’ DI GERUSALEMME: forniva protezione e difesa ai pellegrini franchi in tutta la Palestina. Il Comandante di Gerusalemme e i suoi cavalieri avevano il privilegio della guardia alla Santa Croce.

COMANDANTI DEI CAVALIERI: erano sottoposti al Maresciallo. Ognuno di essi guidava uno squadrone di dieci fratelli cavalieri.

TURCOPOLIERE (sergente): aveva il compito di guidate i cosiddetti "Turcopoli", truppe leggere ausiliarie, originarie della Terra Santa. Comandava anche tutti i sergenti in tempo di guerra.

GONFALONIERE (sergente): comandava tutti gli scudieri e custodiva uno stendardo di riserva per il combattimento.

SOTTO-MARESCIALLO (sergente): era responsabile della manutenzione di tutte le armature e della carovana dei cavalli di riserva nelle spedizioni di guerra. Vigilava sugli scudieri e sulla loro distribuzione.

COMANDANTI DELLE CASE (in prevalenza sergenti): avevano un potere limitato all’ambito della propria commanderia. Anche se avevano autorità sui fratelli di cui erano responsabili, non potevano esercitare il ruolo di giudice senza il permesso del Capitolo.

20 maggio 2017

L’uso dell’arco e della balestra nell’Ordine Templare


di Franco Faggiano

Un piccolo contributo conoscitivo su quanto e come fossero utilizzati arco e balestra dai Templari.
Parlare di arco e balestra quando si nominano i Templari potrebbe sembrare fuori luogo ma, così non è. Un dato è certo: non era la loro attività primaria, né ludica né bellica né, tanto meno, venatoria. Una chiara indicazione, in tal senso, ci viene proprio data dalla "Regola del Tempio", l’antica regola dei Templari ispirata da Bernardo di Chiaravalle, all’articolo XLVII: "Nessuno colpisca una fiera con l’arco o la balestra. E’ conveniente camminare in atteggiamento pio, con semplicità, senza ridere, umilmente, non pronunciando molte parole, ma ragionando, e non con voce troppo elevata. Specialmente imponiamo e comandiamo ad ogni fratello professo di non entrare in un bosco con arco o balestra o lanciare dardi: non vada con colui che fece tali cose se non per poterlo salvare da uno sciagurato pagano: né osi gridare con un cane né garrire; né spinga il suo cavallo per la bramosia di catturare la fiera".
Unica eccezione, sembra, alla pratica venatoria: la caccia al leone. All’articolo XLVIII troviamo: "Il leone sia sempre colpito - Infatti è certo, che a voi fu affidato il compito di offrire la vita per i vostri fratelli, e eliminare dalla terra gli increduli, che sempre minacciano il Figlio della Vergine. Del leone questo leggiamo, perchè egli circuisce cercando chi divorare, e le sue mani contro tutti, e le mani di tutti contro di lui".
Da ciò, si possono fare due considerazioni: la prima è che quest’ultima regola può avere più significati e neanche troppo legati alla pratica venatoria; la seconda è, che è improbabile che i prodi Templari dedicassero molto del loro tempo ad andare a caccia di leoni, vuoi per gli altri compiti più importanti ai quali si dovevano dedicare vuoi perchè è da escludere che ci fossero leoni in quantità tali da indurli a farlo diventare un passatempo comune e fruttuoso.
Dal quel che si sa, invece, la pratica delldi arcieria nell’Ordine era demandata ai cosiddetti ‘Turcopoli’, quel manipolo di armati locali, cristianizzati, di provata capacità nell’uso dell’arco a cavallo. Ennio Pomponio, noto studioso e ricercatore templare, al riguardo cita testualmente nel suo libro ‘Templari in battaglia’: "…I turcopoli avevano a disposizione un armamento più leggero; uno scudo rotondo di foggia araba, spade a doppio taglio più corte di quelle della cavalleria pesante, pugnale ed archi. In ciò differivano davvero poco dalla corrispondente specialità araba…".
Anche questo, però, non esclude la capacità di altri Templari nell’uso dell’arco (e della balestra). Soprattutto, quando lo scontro con gli ‘infedeli’ avveniva a difesa di una roccaforte o di una città. Infatti, sempre al riguardo, Ennio Pomponio riporta nel suo libro già citato: "…Archi e balestre erano diffusi nella fanteria. L’importanza di tali armi aumentò via via nel corso delle operazioni belliche, al punto da costringere gli Ordini militari a dotarsi di reparti armati solo di tali ordigni. Lo sviluppo e la diffusione di archi e balestre assumerà proporzioni tali che, insieme all’avvento delle compagnie di ventura, decreterà la fine della cavalleria come arma risolutiva degli scontri (Crecy e Poitiers).
Già dalle Crociate, archi corti, long bow e balestre fecero intuire in che direzione si sarebbe sviluppata l’arte di combattere nel prosieguo dei secoli. Non molto preciso né dotato di lunga gittata, l’arco corto in legno di tasso, corda in canapa, lungo circa un metro e mezzo, denunciò subito i suoi limiti e fu soppiantato dal long bow, l’arco inglese: un metro e ottanta circa di lunghezza, generalmente in olmo, fu sviluppato dalle fanterie del Galles che ne fecero l’ama base, il cuore dell’esercito inglese.


L’uso della balestra in Medio Oriente non è merito dei Crociati, in quanto le truppe fatimide facevano già uso di tale arma durante il secolo XI, sembra, a loro volta, ad imitazione della fanteria siriana ed irachena. Paradossalmente è possibile che i Crociati abbiano appreso l’uso della balestra dai loro disprezzati nemici fatimidi, introducendola poi in Europa dove fu sviluppata in particolar modo in Italia centro-settentrionale ed in Provenza. Tra il personale al soldo del Tempio combattevano formazioni di balestrieri organizzate con tiratori e caricatori per aumentare la cadenza di tiro e ciò malgrado la Chiesa di Roma considerasse tali armi ‘strumenti del maligno’ sino a proibirne l’uso nelle guerre in Europa (proibizione, c’è da dire, mai osservata da nessuno):
"Essa è odiata da Dio e non deve essere usata contro i cristiani pena l’anatema", così si pronunciava Innocenzo II al Concilio Laterano del 1139 a proposito di questa arma. Molto più pericolosa e letale dell’arco, essa era costruita inizialmente in corno o in legno, successivamente in acciaio. La forza di penetrazione dei suoi dardi o quadrelli era impressionante, ma il suo limite era rappresentato dalla ridotta cadenza di tiro. Il meccanismo di ricarica a crocco, infatti, non consentiva più di due tiri al minuto contro i dieci del long bow. Questo, però, non esclude l’utilizzo di altri tipi di archi, in altre zone che non fossero la Terrasanta. Anche in questo caso, viste le esigue notizie che si hanno in merito, nulla è escluso poco è certo, come la storia stessa che accompagna il glorioso Ordine. Immagini di crociati che tirano con l’arco e la balestra dalle mura sono presenti in più iconografie dell’epoca e questo, insieme a qualche traccia trovata da studiosi e ricercatori, permette di evidenziare l’uso di tale pratica, anche se in termini quasi esclusivamente bellici.
Più affascinanti, invece, le splendide illustrazioni di Gustave Doré in "Storia delle Crociate" nelle quali vengono raffigurate, con coinvolgimento quasi mistico, le scene delle battaglie tra Crociati e ‘infedeli’. Ma, sia con le iconografie sia con le illustrazioni, ci affidiamo all’abilità e alla fantasia dell’autore in quanto, soprattutto nel passato, difficilmente si poteva contare su testimoni oculari che riuscissero a raffigurare su tela o carta l’accadimento. Quindi, non sempre riusciamo a scavare nel passato come vorremmo per approfondire quella sete di conoscenza che tutti i cultori, sia di medioevo sia - nello specifico - di Templari, desiderano appagare. Purtroppo, questo è lo scotto!